Tutte le 13 classi prime dei Licei “Giovanni da San Giovanni” sono state accolte stamani, dopo il suono della prima campanella, nella palestra “Palagalli”, dalla Dirigente Scolastica, la Prof.ssa Lucia Bacci, dagli studenti-tutor e dai docenti. 

La Preside ha coinvolto tutti gli alunni in un  appassionante discorso, prendendo spunto dal 7° libro de La Repubblica di Platone, riguardante il mito della caverna: il sapere è certamente collegato all’apprendimento, ma il conoscere non significa solo apprendere, ma soprattutto significa comprendere, nella accezione di CON PRENDERE, ovvero prendere insieme, accogliere dentro.

Il messaggio che la Preside ha condiviso con tutti gli studenti è che il fine del percorso educativo non è mai una mera trasmissione di abilità, conoscenze e competenze fini a se stesse, bensì la strutturazione dell’identità personale, in modo che le conoscenze e le competenze diventino strumenti per scoprire, capire e costruire la personalità di ognuno.

Dopodiché sono state lette e condivise  le regole fondamentali  che gli studenti sono tenuti ad osservare nei confronti dei loro compagni e del personale della scuola, all’interno di ogni comunità educante c’è infatti  bisogno di esercitare ogni forma di rispetto, anche formale,  nei confronti di tutti i membri che vi sono.

Al termine delle prime due ore gli alunni delle classi prime sono rientrati nelle proprie aule ed hanno proseguito con l’orario prestabilito.

La cerimonia di apertura dell’anno scolastico con le classi prime è stata intensa ed i giovani allievi si sono sentiti accolti in un ambiente che ha cura di loro.