Anche quest’anno i  Licei Giovanni da San Giovanni sono stati selezionati tra le scuole di eccellenza toscane alla manifestazione sull’innovazione didattica Fiera Didacta 2019 che ha avuto luogo questa settimana a Firenze.

Il progetto di Alternanza  “Studenti imprenditori di viaggio: organizzazione scambio culturale fra scuole italiane”  è stato  inserito  tra  i migliori  progetti delle scuole toscane  per l’Alternanza Scuola-Lavoro .

Il progetto si è basato su uno scambio culturale, non con una scuola estera ma con un istituto italiano piemontese, scambio che è risultato importante perchè, sebbene gli studenti parlassero la stessa lingua e avessero abitudini simili, hanno avuto la possibilità di conoscere diversità culturali e sociali e allo stesso tempo la possibilità di dialogare su valori comuni.  L’organizzazione ha coinvolto l’intera classe 4°B  del Liceo delle Scienze Umane di San Giovanni con la classe  4°B del Liceo Scientifico di Mondovì  Vasco, Beccaria, Govoni che li ha ospitati lo scorso anno per partecipare al premio storico letterario di Cherasco. Tra gli argomenti trattati, scelti tra i temi affrontati durante l’anno scolastico, gli studenti hanno individuato quelli su cui era interessante pianificare le uscite didattiche, scegliendone i contenuti e i modi e contribuendo all’organizzazione culturale e tecnica.

Gli alunni  hanno fatto ricerche  tra i professionisti del settore delle agenzie di viaggio, si sono rapportati anche con l’amministrazione comunale di San Giovanni Valdarno ed  in particolare con il Sindaco e l’Assessore alla Cultura. Hanno contattato i direttori dei tre musei del territorio, che poi hanno puntualmente visitato: il Museo della Basilica di Santa Maria delle Grazie, il  Museo delle Terrenuove Fiorentine a San Giovanni Valdarno e il Museo di Arte Sacra Masaccio di Cascia in Reggello. Grazie anche al Centro di Geo-tecnologie di San Giovanni, gli studenti hanno potuto approfondire le caratteristiche del nostro territorio e la sua storia evolutiva. 

A loro volta gli studenti di Mondovì hanno organizzato lezioni all’interno del proprio Istituto riguardanti la fisica e il loro museo di strumenti scientifici. Inoltre è stata effettuata un’attività comune sulla tematica del testo vincitore del premio storico letterario di Cherasco, tema interessante per il rapporto tra educazione e potere.